Servizio Civile Regionale 2021 – Graduatoria della selezione

Pubblichiamo la graduatoria della selezione di tre giovani per il progetto del Servizio civile regionale “Arte preistorica in biblioteca e negli archivi. Conservazione e valorizzazione del patrimonio documentario dell’IIPP

Risultano idonei selezionati:

CIANCI CHIARA
MANI SARAH
FERRARI DARIO

Graduatoria completa

Servizio Civile Regionale – Progetto IIPP “Arte preistorica in biblioteca e negli archivi”.

AVVISO PER LA SELEZIONE DI 2.639 GIOVANI DA IMPIEGARE NEI PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE REGIONALE DEL BANDO 2018 – 1a PROROGA – NELLA REGIONE TOSCANA, DI CUI AL DECRETO DIRIGENZIALE 4993/2018 FINANZIATO CON RISORSE FSC 2014/2020

 

 

Il bando, emanato con decreto decreto  n° 6315 del 8 aprile 2021  dalla Regione Toscana nell’ambito di Giovanisì, è attivo dal 29 aprile a partire dalle ore 8.00 fino al 28 maggio 2021 ore 14.00

Sono 3 i giovani che potranno svolgere un’ importante esperienza formativa attraverso un periodo di Servizio Civile della durata di 12 mesi presso l’Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria, con un contributo mensile di 433,80 euro.

Il progetto “Arte preistorica in biblioteca e negli archivi. Conservazione e valorizzazione del patrimonio documentario dell’IIPP” ha come obiettivo il completamento della catalogazione del patrimonio librario e il riversamento dei dati bibliografici in SBN, al fine di rendere fruibile al pubblico di specialisti e non, un quadro completo sulle pubblicazioni in materia preistorica, con particolare attenzione al corpus sull’arte preistorica italiana. Sarà inoltre possibile completare l’acquisizione digitale dei documenti fotografici, prevedendo anche la catalogazione delle fotografie, al fine di rendere disponibile online l’archivio fotografico IIPP.
IL PROGETTO DELL’IIPP
Costituiranno titoli preferenziali eventuale esperienza pregressa nel settore Biblioteche e Archivi e/o  laurea almeno triennale in Lettere e Filosofia, Beni Culturali, Archivistica e Biblioteconomia. Nella valutazione si terrà anche conto di un eventuale percorso formativo nei settori disciplinari LANT/01 PREISTORIA E PROTOSTORIA o BIO/08 ANTROPOLOGIA.

CHI PUÒ PRESENTARE DOMANDA
Possono partecipare alla selezione tutte le persone, senza distinzione di sesso che, alla data di presentazione della domanda:
– siano regolarmente residenti, domiciliati o soggiornanti in Toscana;
– siano in età compresa fra diciotto e ventinove anni (ovvero fino al giorno antecedente il compimento del trentesimo anno);
– siano disoccupati, inattivi;
– siano in possesso di idoneità fisica;
– non abbiano riportato condanna penale anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo.
Può fare domanda chi sta frequentando un corso di studi di qualunque tipologia.
Tutti i requisiti, ad eccezione del limite di età, devono essere mantenuti sino al termine del servizio.
Non possono presentare domanda coloro che abbiano già svolto o stiano svolgendo il Servizio Civile (regionale o nazionale) o che abbiano avuto nell’ultimo anno e per almeno sei mesi rapporti di lavoro o di collaborazione retribuita a qualunque titolo con l’ente che realizza il progetto.

COME PRESENTARE DOMANDA?
La domanda, corredata dal curriculum vitae (datato e firmato in forma autografa), può essere presentata esclusivamente on-line, collegandosi alla piattaforma dedicata. 
È possibile compilare la domanda attraverso due modalità:
1. collegandosi al link tramite carta sanitaria elettronica rilasciata da Regione Toscana (CNS) e un lettore smart card;
2. accedendo al link senza carta sanitaria e seguendo le istruzioni per la compilazione (in questo caso è necessario allegare alla domanda copia fronte retro di un documento di identità in corso di validità).
Per informazioni su come presentare domanda, è possibile consultare le “Istruzioni per la Compilazione Online Domanda Servizio Civile”.
Una volta inviata la domanda, il giovane riceverà, all’indirizzo di posta elettronica indicato in fase di presentazione della candidatura, una mail di conferma dell’invio della domanda e conseguente ricezione della stessa da parte dell’ente titolare del progetto selezionato.
È possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un solo progetto di Servizio Civile.
Termini di presentazione della domanda
La candidatura può essere inviata dal 29 aprile a partire dalle ore 8.00 fino al 28 maggio  2021 ore 14:00.
N.B. Una volta scaduto il bando, i giovani che hanno presentato domanda dovranno rivolgersi direttamente all’ente titolare del progetto prescelto per informazioni sulla tempistica delle selezioni e sui risultati delle stesse.

Tutte le informazioni sul Servizio Civile possono essere consultate alla pagina https://giovanisi.it/bando/servizio-civile-regionale-bando-per-giovani/

Per contatti, orari di apertura e indirizzo dell’IIPP clicca qui

La Préhistoire au présent

Da oggi disponibile in biblioteca il volume “La Préhistoire au présent” (Sophie A. de Beaune, Rémi Labruss) CNRS Editions, Paris 2021.  pp.368;  EAN: 9782271136411

“La question des origines s’est toujours posée à l’humanité. Longtemps, ce passé nébuleux a fait l’objet de constructions plus proches des mythes et légendes que d’une quelconque histoire de l’homme. C’est au XIXe siècle que le mot « préhistoire » est entré dans le langage courant. Pour autant, les horizons qu’il évoque ne sont pas les mêmes selon qu’on est adulte ou enfant, spécialiste ou néophyte. Des désirs différents y résonnent. Ils contribuent à donner toute sa richesse et sa complexité à l’idée de préhistoire aujourd’hui.
La préhistoire des préhistoriens est très concrète, forgée à partir d’indices matériels qu’ils réunissent à la manière de détectives. Malgré l’absence de documents écrits, cette très longue durée est mieux comprise grâce aux techniques fines de fouille, aux progrès des datations et de l’analyse des vestiges. Anthropologues, philosophes, psychanalystes et historiens portent sur la préhistoire un œil plus distancié. Artistes et écrivains y voient un monde perdu, un âge d’or, à moins qu’elle ne soit pour eux le miroir déformant de notre propre société. Autant de visions qui se nourrissent mutuellement.

Ont collaboré à cet ouvrage préhistoriens, historiens, philosophes, anthropologues, psychanalystes, spécialistes d’histoire de l’art et de littérature, mais aussi des médiateurs, des artistes et des écrivains comme Renaud Ego, Maylis de Kerangal, Zad Moultaka et Jean-Loup Trassard, qui ont accepté de raconter leur rencontre avec la préhistoire.”

Proroga Servizio Civile Regionale: entro aprile il bando per candidarsi!

La Regione Toscana ha confermato la proroga dei progetti di servizio civile regionale finanziati con il POR FSE 2014/2020 con decreto n.6584 del 29-04-2019.
Entro il mese di aprile sarà inserito il nuovo bando del Servizio Civile Regionale nell’ambito di Giovanisì, a cui partecipa anche l’IIPP con il suo progetto “Arte preistorica in Biblioteca e negli Archivi“, che prevede la selezione di tre giovani volontar*
Per aggiornamenti e in attesa del bando consultare questo link:

Servizio Civile regionale: nuovo bando per i giovani

The Prehistory Of The Sudan

Garcea, E.A.A. The Prehistory Of The Sudan. Springer Nature, 2020.

Questo volume copre un lungo arco temporale a partire dai primi ominini (Homo erectus, Homo heidelbergensis) e dai più antichi sapiens che hanno occupato il Sudan. Prosegue con un’analisi degli ultimi orizzonti culturali dei cacciatori-pescatori-raccoglitori, stanziati lungo le valli del Nilo e dei suoi affluenti, e delle popolazioni di agricoltori e di pastori che hanno convertito la propria economia di sussistenza allo sfruttamento di piante e animali domestici locali o importati dal Vicino Oriente. Un’analisi critica dei presupposti dell’ascesa del regno di Kerma e del ruolo del Sudan nella formazione dell’Egitto faraonico e di Axum in Etiopia conclude il volume.

Leggi tutto

La Biblioteca riapre al pubblico dal 25 giugno – protocollo aggiornato

BIBLIOTECA DEL MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI FIRENZE
BIBLIOTECA DELL’ISTITUTO DI STUDI ETRUSCHI E ITALICI
Contatto: 055-2357703, donatella.venturi@beniculturali.it

BIBLIOTECA DELL’ISTITUTO ITALIANO DI PREISTORIA E PROTOSTORIA
Contatto 055-2340765, biblioteca@iipp.it

Le Biblioteche sono aperte dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 14, esclusivamente previo appuntamento (vedi i contatti delle rispettive Sezioni).

Protocollo apertura Biblioteca IIPP_MAF

La Biblioteca ti viene incontro!


Da giugno la Biblioteca dell’Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria offrirà un servizio di prenotazione e consegna dei volumi all’esterno della sede, dato che per il momento non è permesso ai visitatori/utenti di accedere ai locali del Museo Archeologico Nazionale di Firenze.
Sarà possibile prenotare fino a 3 volumi in prestito, inviando una mail a biblioteca@iipp.it, per concordare la data e l’ora del ritiro: ve li porteremo all’esterno in via della Pergola 65.
I volumi si potranno ritirare -previo appuntamento- il martedì e il giovedì fra le 11 e le 13, a partire dal 12 giugno.
Una volta riconsegnati rimarranno inaccessibili per 7 giorni di quarantena, come previsto dalle disposizioni vigenti.
Per la ricerca dei volumi presenti in Biblioteca si possono utilizzare i file qui allegati, dopo averli scaricati:
MONOGRAFIE
PERIODICI
All’interno dei file digitare il comando Ctrl+F e inserire nella barra di ricerca che appare il titolo o il nome dell’autore/editore per effettuare la ricerca

Novità in Biblioteca – Malta: le costruzioni preistoriche

Malta le costruzioni preistoriche – un archeologo racconta
Autore: Monica Piancastelli
Pagine: 94
Editore: Polaris
Collana: Archæo
EAN: 9788860592095

L’arcipelago maltese, distante solo 90 km dalla Sicilia, vanta una ricchezza archeologica di ineestimabile bellezza e importanza. In particolare risulta straordinario il patrimonio preistorico rappresentato dal fenomeno del megalitismo, ovvero dagli edifici costruiti circa 6000 anni fa con pietra pesanti diverse tonnellate, molto prima dell’edificazione delle grandi piramide egizie, di Stonehenge e del Palazzo di Cnosso. Su queste isole vissero genti per le quali il significato intrinseco delle opere architettoniche edificate sul suolo era in relazione con quello delle strutture sotterranee adibite a sepolcri e a luoghi per officiare speciali cerimonie. Un’archeologa di oggi dà voce a Luigi Maria Ugolini, un archeologo romagnolo, tra i primi ricercatori negli anni ’30 del secolo scorso a diffondere e a rendere noto in Italia il megalitismo maltese in un suo importante volume. Tra passato e presente, egli guiderà i lettori alla scoperta di queste piccole grandi isole.