L'Eneolitico delle Marche

Atti della XXXVIII riunione scientifica IIPP “Preistoria e Protostoria delle Marche”

L’ENEOLITICO DELLE MARCHE NEL CONTESTO DEGLI SVILUPPI
CULTURALI DELL’ITALIA CENTRALE
Le datazioni radiometriche indicano un uso precoce
nelle Marche delle tombe a grotticella artificiale e di elementi di possibile
origine egeo-balcanica, come i vasi a fiasco. Anche la presenza di vasi askoidi sembra
essere piuttosto antica. Più difficile da definire è lo sviluppo della ceramica a
squame, che durò molto a lungo, fino agli inizi dell’età del Bronzo. Tra la fine
dell’Eneolitico e l’inizio dell’età del Bronzo si collocano alcuni rinvenimenti che
rinviano, in modo più o meno diretto, al Campaniforme e alla facies di Cetina.

A. CAZZELLA, M. SILVESTRINI, L’Eneolitico delle Marche nel contesto degli sviluppi culturali dell’Italia centrale

Lascia un commento